IGOR ESPOSITO e PEPPINO MAZZOTTA presentano "L'azzardo", Rizzoli

Gli autori dialogheranno con Marcello Anselmo. Ad impreziosire la serata ci saranno le letture degli attori Orlando Cinque e Giulia Pica.

  17:00
Palazzo Venezia
Ubik Napoli
  Locandina
Palazzo Venezia
Rizzoli (2022)
17,50 €
 9788817160940
L' azzardo
Leandro è un uomo che ha talento e passione: è abilissimo con il pennello e ama copiare i grandi capolavori del passato. Forse tutto era cominciato quando da bambino contemplava, insieme alla madre, i dipinti della Galleria Borghese, dove il padre faceva il vigilante. Era stato allora che, sfogliando un catalogo d?arte, nel Miracolo dello schiavo del Tintoretto gli era parso di veder calare dal cielo il suo idolo romanista Roberto Pruzzo, con tanto di mantello giallo e veste rossa. Ma soprattutto, già a quell?epoca, si era convinto che ogni forma di Bellezza fosse ormai stata dipinta e che quindi a lui non spettasse altro che riprodurre le opere degli antichi maestri. Questo compito diventa un mestiere quando Leandro, trasferitosi a Mantova, si guadagna da vivere facendo il copista di capolavori. Nel contempo si lascia travolgere da un?altra ossessione, le scommesse calcistiche, e inizia a condividere il proprio vizio con un?allegra brigata di personaggi strampalati. Tutti hanno un soprannome che evoca i rispettivi talenti ? il Boccaccio, Marlon Brando, il Vesuvio, Tacito, il Negro, Maometto ?, mentre Leandro viene chiamato il Profeta, per la sua straordinaria capacità di prevedere i risultati. Ma, con l?azzardo, il rischio è sempre dietro l?angolo e si può finire in acque pericolose. Per fortuna, Leandro, ancor più che Profeta, è falsario... Coppia creativa nel teatro, Peppino Mazzotta e Igor Esposito esordiscono con questo romanzo, una commedia noir fra scommesse e furti d?arte, nella quale scavano a fondo nei comportamenti e nelle debolezze umane. Con una prosa originale e punteggiata di colpi di scena, regalano ai lettori pagine trascinanti e, insieme, uno spaccato della vita della provincia italiana, fra vizi, meschinità ma anche insospettabili risorse e potenzialità di riscatto.